• NOI TRE

  • I NOSTRI VIAGGI

  • I MIEI LIBRI

I nostri peggiori nemici

….

La lista è open: si accettano suggerimenti

- L’asfalto milanese dopo cinque minuti di pioggerella primaverile

- Gli specchietti laterali delle macchine (e dei furgoni …ouch…)

- Quelli che usano gli specchietti solo per controllarsi il Rimmel

- Le signore in Cayenne (specie se fresche di parrucchiere)

- Il pavè

- Le polveri sottili

- I manifesti pubblicitari con la Arcuri

- I caselli delle autostrade quando hai il portafoglio nel profondo negli inferi

- I tubi di scappamento dei pullman polacchi carichi di colf clandestine di Cracovia, fermi al semaforo

- Quelli che si dimenticano di mettere la freccia

- Quelli che si dimenticano di togliere la freccia

- Le Peugeot bordeaux del ’71 targate Bari con a bordo quattro nigeriani

- Le Fiat Brava bianche e verdi con a bordo quattro vigili

- Mia moglie

- L’ultimo numero della vostra targa

- Le rotaie del “quattordici”

- I vigili in moto (quelli che sembrano Lord Casco in “Balle Spaziali”)

- Le telecamere delle corsie preferenziali

- Il mio capo

- Gli sportelli aperti all’improvviso da cui scende uno che sta parlando al cellulare

- Il mio stipendio

- La revisione biennale

- Le fidanzate dei vostri amici motociclisti

- Il tagliando in concessionaria

- I tutori dell’ordine che non si sono mai potuti comprare un’Harley

- Albertini

- I tombini di corso di Porta Romana tanto profondi che c’é l’eco

- Le fluttuazioni del prezzo del Brent

- Il fiato che appanna la visiera del casco ogni volta che scendi sotto i venti all’ora

- Il rosso

- Quelli che viaggiano in tutta sicurezza

- Il vostro cavalletto che lentamente penetra nell’asfalto bollente di ferragosto

- I copripantaloni che non tengono bene la pioggia (nei maroni ovviamente)

- Gli insetti da due etti e mezzo, quando avete il Jet aperto. E state cantando

- I cessi degli autogrill

- Le suole di cuoio quando metti giù il piedino


?>