• NOI TRE

  • I NOSTRI VIAGGI

  • I MIEI LIBRI



Dritte per mangiatori di chilometri

 

 

- Conoscete i vostri limiti e pianificate il viaggio basandovi su questi (se non avete mai fatto più di 500 km al giorno, non progettatene 1000).

- Le velocità alte e le lunghe distanze non hanno nulla in comune: di certo vi affaticherete di più per il vento poi, se vi va bene vi dovrete fermare di più per i rifornimenti, se invece vi va male, per le multe o per altro ….

- Lasciate a casa stimolanti di ogni genere (quando sentite il bisogno di qualcuna di quelle porcherie, quello è il momento di fermarvi)

- Preparate bene la moto prima del viaggio (gomme, candele, olio: perchè sostituirli … in Siria?)

- Non fate lavori importanti sul motore subito prima di un lungo viaggio (anche i migliori meccanici possono fare cazzate). Limitatevi al cambio candele, filtro e olio. Non manomettete centraline e carburatore: fare una regolazione della bambina dal meccanico di Merzouga è un’esperienza che può essere traumatizzante…

- Imparate a fare le valigie: poca roba e che sia ben accessibile senza smontare tutto (ditelo alla vostra morosa)

- Cercate stratagemmi per evitare la noia (già il fatto di scegliere un percorso panoramico aiuta molto).

- Volete vivere? State lontani dai camion (quando vi viene la tentazione di farvi rimorchiare da un TIR, pensate a come ci si può trovare infilati sotto il suo paraurti posteriore).

- Associatevi a un servizio di assistenza stradale internazionale (Europe Assistance e simili, tutte le assicurazioni ne offrono uno. La HOG assistance è il più caro…)

- Sappiate quando fermarvi : quei dieci chilometri in più potrebbero costarvi cari. (Ci sono alcuni sintomi tipo: ‘non riesco a mantenere la velocità costante’, ‘perchè mi dimentico di abbassare gli abbaglianti?’, e il peggiore di tutti: ‘OK, chiudo gli occhi… ma solo per due secondi’)
– Non mangiate delle schifezze (tralasciate cotechino e sambuca a favore di carboidrati e acqua).

- Mettetevi la giacca da pioggia ‘prima’ che piova (io non ci sono mai riuscito, però per lo meno c’è l’effetto positivo che quando mi infilo il K-Way, istantaneamente esce il sole…)

- Portate un kit di attrezzi (e possibilmente sappiateli anche usare. Oltre alle chiavi: cavo acceleratore, candele, cavi per batteria, nastro isolante, pila, filo isolato, un Fast, un tubetto per ciucciare la benza). Infilate da qualche parte una mezza bottiglia d’acqua, aspirina e pastiglie per il mal di testa. A qualche amico suggerirei anche una scorta di profilattici…. Si sa mai…

?>